mercoledì 26 ottobre 2011

Milano-Roma si torna a casa


Ferrovie dello Stato
L’intercity ferma ogni cento metri, è stancante. L’aria condizionata bagna le ossa così in profondità che mi sale il vomito. Velletri, Chiusi. Non arriveremo mai. E mi va bene così. Vorrei rimanere qua sopra per i prossimi centocinquanta secoli a pensare a quello che è stato vivere al Nord questi tre mesi d’estate. Sto per vomitare, piangere, urlare e lanciarmi dal finestrino di questo treno che non arriva mai e mi stanca le ginocchia. Poi i due signori col cappotto seduti davanti a me decidono che è il caso di fare qualcosa per passare il tempo e iniziano a parlare di politica e di economia. Prendo fiato, fa freddo e senza chiedere il permesso mi unisco a loro srotolando i più assurdi commenti di sempre: l’Italia lavora mentre loro si pettinano i peli del petto nelle loro auto blu pagate da noi, sono un ricettacolo di muffa in giacca e cravatta e se fa freddo in questo vagone è soprattutto colpa loro. Gesticolo, alzo un po’ la voce e non so bene cosa dico ma lo dico bene con la faccia di una persona per bene e i due tipi di fronte mi ascoltano seri e si convincono che apparte tutto ho ragione su tutto, annuiscono con decisione, è proprio vero dicono, se fa così freddo in questo vagone è soprattutto colpa loro. Guardo fuori dal finestrino, si torna a casa.

3 commenti:

  1. " Potete acquistare una vasta gamma di bevande calde e fredde "
    No grazie
    " Potete acquistare cibi freschi come : lasagne, pizza margherita e tanto altro "
    No, non ho fame. Grazie
    " Potete acquistare gli esclusivi profumi allo stesso prezzo del Duty Free. "
    No no, mi manca solo questo.
    " Potete acquistare la sigaretta elettronica. Il piacere della nicotina, ma senza infastidire gli altri e infrangere la legge. "
    Naa non voglio sembrare stupido.
    " Potete acquistare i gratta e vinci, per vincere favolosi premi in denaro e biglietti non stop per viaggiare con noi. "
    Non ho mai avuto culo con ste robe.
    E poi bambini che piangono.
    Gente che urla.
    Stalking dalle hostess.
    Rumore dei motori.
    Spazio piccolo.
    Tutto questo per dormire con la finestra aperta e sentire il rumore del mare.

    Casa
    :]

    RispondiElimina
  2. beh, ne vale assolutamente la pena!

    RispondiElimina
  3. Mi dicono che oggi sia così
    http://www.facebook.com/photo.php?v=282593025105237

    Sarà dispiaciuto per la partenza? :]

    RispondiElimina