domenica 29 gennaio 2012

di domenica è giusto dormire

Maria Kazvan
domenica mattina ovattata e lenta. ho dormito 14 ore tutte insieme e l'unica cosa che è riuscita davvero a svegliarmi è il botto infinito che ha fatto il portatile cadendo dalla sedia accanto al mio letto. muovendomi nel sonno l'avrò urtato in qualche modo e per la milionesima volta l'ho fatto cascare in un botto infinito. mi sono svegliata di colpo e l'ho guardato mezzo scoperchiato sul parquet di legno abbozzato. non lasciarmi! ti prego non lasciarmi! l'ho tirato su con delicatezza, ho riattaccato parte dello schermo all'altra parte dello schermo e l'ho acceso. resiti! non lasciarmi così! windows vista mi ha salutato sorridente con una mano, il monitor intatto e internet connesso.
okkay, tu non sei un portatile, sei un miracolo!
arresta sistema, e buonanotte di nuovo.

Nessun commento:

Posta un commento