domenica 15 dicembre 2013

Skinny time


Berlino, ascolta come mi batte forte il tuo cuore

Sorvoliamo la Svizzera con la testa livida di sonno, ancora un'ora e 5 minuti all'atterraggio, siamo in perfetto orario. 
a terra ci aspettano -2 gradi e manchi solo tu.
ho sonno ma ho smesso di provare ad addormentarmi quasi da subito.
se dormi 4 ore a notte o zero ore non cambia un cazzo, tanto poi sei morto distrutto lo stesso. e allora ho deciso che stanotte non dormo proprio, tanto sono morta distrutta da un pezzetto.
mi metto a pensare che la prima cosa che voglio fare non appena usciamo dall'aereoporto è mangiare delle uova strapazzate riempite di pepe e allora penso che ti penserò profondissimamente.
a quella volta che abbiamo fatto colazione con 3 uova a testa ricoperte rivestite di pepe, a quanto mi avevi fatto ridere con quella storia del numero sbagliato della tua stanza d'albergo.
le mangiavamo con le lacrime agli occhi e se penso a quanto eravamo stanchi in quel momento mi sembra un mezzo miracolo l'essere riusciti a ridere così forte.
non riesco a dormire perchè ti penso, e penso che vorrei tu fossi qui. 

atterriamo, ritiriamo le valigie, ci congeliamo il culo ibernati a -2 gradi e giuro ti offro 3 uova strapazzate sciolte nel pepe.
se solo tu mi racconti una delle tue storie.


Nessun commento:

Posta un commento